Yperios
I processi di decisione a razionalità limitata

Questo corso si propone di illustrare gli strumenti concettuali e operativi utilizzabili per prendere decisioni efficaci ed efficienti, in contesti complessi, su basi quantitative. Con il termine decisione intendiamo un atto conscio di allocazione di risorse, finanziarie, umane, materiali e/o immateriali, finalizzato al raggiungimento di obiettivi predeterminati. I tradizionali metodi di valutazione si basano sull’individuazione degli effetti delle diverse opzioni, sulla loro quantificazione e infine sul confronto tramite opportuni indicatori di merito. Sfortunatamente, il loro campo di applicazione è limitato dal fatto che la maggior parte delle decisioni viene presa in condizioni di “razionalità limitata”. Ciò significa che l’impatto, oltre a essere influenzato dagli inevitabili fattori di incertezza e di rischio, dipende anche da fattori al di fuori del controllo. Spesso, inoltre, succede che le relazioni tra i fenomeni in gioco siano così intricate da essere difficilmente catturabili all’interno di un modello formale. E ciò senza parlare della natura “conflittuale” di molti problemi di pianificazione, che devono tener conto di una notevole pluralità di obiettivi e della molteplicità di soggetti che formalmente o informalmente intervengono nel processo decisionale; si determina così il passaggio da decisioni “one-shot” a decisioni “graduali” in cui aspetti di tipo politico-istituzionale esercitano un peso non trascurabile.
Gli strumenti che presentiamo in questo corso possono fornire un valido supporto alle decisioni anche nei casi in cui i tradizionali strumenti analitici di valutazione non sono utilizzabili. Possono inoltre essere applicati anche in mancanza di dati completi e attendibili, oppure quando gli aspetti di tipo soggettivo o qualitativo prevalgono su quegli oggettivi o quantitativi nel determinare le scelte. Inoltre, soddisfano il diffuso desiderio dei “decisori” di ottenere dai metodi di supporto non tanto un risultato “chiuso”, considerato ottimale, quanto uno spettro di soluzioni ammissibili, ciascuna delle quali caratterizzata da un completo esame dei suoi effetti, anche intangibili.

Principali argomenti trattati
  • Caratterizzazione dei problemi di decisione.
  • Razionalità limitata, “moral hazard” ed efficienza.
  • Le diverse tipologie di “stakeholder”.
  • Funzioni di preferenza individuali e collettive.
  • Rappresentazione formale delle interdipendenze tramite modelli gerarchici.
  • Il trattamento dei “dati”.
  • Il trattamento dei “fattori intangibili” e delle “opinioni”.
  • Dal “brainstorming” al “metodo Delfi”.
  • Il metodo degli autovalori.
  • La legge di Miller.
  • La scala di Saaty.
  • Affidabilità dei risultati.
  • Le possibili applicazioni:
    • la ricostruzione di informazioni;
    • la generazione di scenari;
    • l’analisi di impatto;
    • la formulazione di previsioni;
    • l’assegnazione di priorità;
    • l’assegnazione di “cifre di merito” alle diverse opzioni.
  • Esercitazioni pratiche.
  • Dimostrazioni software.